“Meglio una testa ben fatta che una testa ben piena”

Il Gruppo F.U.C.I. di Catania ha partecipato anche quest’anno alla Settimana dell’Università, l’iniziativa promossa dalla F.U.C.I. nazionale per testimoniare il suo modo di “abitare l’Università”,  giunta alla IV edizione,  che si è svolta dal 14 al 20 Novembre in  più di trenta città  italiane sotto il motto comune “Gustosamente”: «Non il molto sapere sazia e soddisfa l’anima ma il sentire e gustare le cose interiormente» (Sant’Ignazio da Loyola)”.

A Catania  Giovedì 17 Novembre alle ore 17   nell’aula 124 del Dipartimento di Matematica e Informatica si è tenuta una conferenza-dibattito dal titolo: “Meglio una testa ben fatta che una testa ben piena” - Dialoghi tra studenti e professori per un PROGETTO COMUNE di UNIVERSITÀ, in cui sono intervenuti il Prof. Giovanni Di Rosa (Docente ordinario di Diritto Privato), il Prof. Gaetano Giaquinta (Docente ordinario di Struttura della Materia), e il Prof. Giuseppe Mulone (Direttore del Dipartimento di Matematica ed Informatica dell’Università di Catania) e nel corso della quale  si è assistito alla visione del filmato “Siate affamati, siate folli!”  elaborato dai ragazzi del gruppo.

Col titolo dell’ incontro “Meglio una testa ben fatta che una testa ben piena”, una citazione di Michel de Montaigne, riportata in luce dall’epistemologo francese Edgar Morin ,  abbiamo inteso porre l’attenzione  sul momento della formazione universitaria, perché sia all’altezza delle necessità attuali e in grado di fornire gli strumenti idonei per comprendere la nostra “epoca della complessità“.

Oggi, in questo momento drammatico di profonda difficoltà e di grave crisi economica, civile e sociale, noi giovani universitari cattolici  sentiamo il dovere di assumerci la nostra parte di responsabilità, testimoniando la nostra presenza attiva,  che ha a cuore le sorti della nostra Università, la quale nonostante le politiche  depressive, di cui è stata oggetto  negli ultimi anni, rimane l’istituzione centrale per quella riscossa etica e civile, unica via per ricostruire su più solide e stabili fondamenta la nostra amata patria, la nostra casa comune italiana ed europea, mettendo alla base quel “pavimento etico”, che è il bene comune.

Siamo infatti consapevoli della necessità di vivere in modo più intenso e riflessivo il periodo universitario, nel quale si raggiunge la maturità intellettuale e si consolidano le nostre convinzioni; per questo proponiamo la nostra “ricetta” per “menti gustose”    in pieno stile fucino, caratterizzato dalla incessante  ricerca comune della Verità, con un metodo critico e dialogico,  volto alla formazione di una “Coscienza Universitaria”, di una sensibilità profonda e riflessiva, nel solco dell’umanesimo integrale.

 Abbiamo voluto  significare la nostra convinzione che lo studio, coltivato con passione, non debba essere inteso solo come strumentale all’acquisizione di specifiche e settoriali competenze o men che mai di un sapere museificato , ma come occasione per raggiungere una conoscenza vera attraverso  un processo incessante di dialogo e rinascita collettiva, che  sia pure un “conascere”, un nascere ancora con un nuovo sguardo sul mondo, con una rinnovata coscienza, la quale per ciò  deve essere costantemente  educata a rimanere sempre critica e vigile, supportata da una “testa ben fatta”, che ci permetta di imparare a vivere e di “onorare la nostra intelligenza”.

Giambattista Coltraro

About these ads

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: